FANDOM


Un videogioco sportivo è un genere di videogiochi, in grado di simulare più o meno fedelmente uno o più sport. Il giocatore veste i panni di un atleta o più atleti negli sport di squadra. Rientrano in questo genere anche i videogiochi di strategia, in cui il giocatore assume il ruolo di amministratore o allenatore di una squadra.

Sono tipicamente licenziati dagli organizzatori, dalle squadre e dai giocatori, per poter riprodurre in maniera fedele una competizione.

Storia

Il genere sportivo ebbe origine sin dai primi videogiochi della storia, ricavati dai primi computer degli anni cinquanta. Il primo videogioco ispirato ad uno sport fu Tennis for Two, realizzato da William Higinbotham nel 1958. Il gioco venne realizzato utilizzando un oscilloscopio come monitor, che raffigurava un campo da tennis visto lateralmente. I due giocatori erano in grado di controllare la palla tramite un paddle.

Verso la fine degli anni sessanta fecero le prime comparse nei locali pubblici, le macchine arcade elettromeccaniche, basate sullo sport: Crown Soccer Special nel 1967 e Grand Prix del 1969.

Successivamente esordì il Magnavox Odyssey nel 1972, la prima console domestica della storia. Questa console utilizzava diverse cartucce comprendenti anche alcuni sport, quali baseball, basket, football americano, handball, hockey, sci, calcio, tennis tavolo, tennis e pallavolo.

Negli anni settanta la Taito fu la principale promotrice di questo genere con il lancio di diversi videogiochi. Nel 1973 nacque Davis Cup e Soccer, entrabi ideati da Tomohiro Nishikado (autore successivamente del più famoso Space Invaders). Nel 1973 SEGA lanciò Sega's Hockey TV, seguito da Pro Hockey della Taito.

Da completare
I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.